News

Acn medici esterni Inps. Sumai: “È ora di stabilizzare le centinaia di medici precari”

26 SET – Il SUMAI Assoprof torna a ribadire la necessità di un nuovo Acn per tutti i medici legali e specialisti i quali, precari da 10 anni, lavorano con abnegazione e mettono la loro professionalità al servizio dell’Inps e delle migliaia di cittadini e assicurati.

Nell’imminenza del suo prossimo Congresso Nazionale, che si terrà a metà ottobre a Gardone Riviera (Bs), il SUMAI Assoprof torna a ribadire la necessità di un nuovo Acn per tutti i medici legali e specialisti i quali, precari da 10 anni, lavorano con abnegazione e mettono la loro professionalità al servizio dell’Inps e delle migliaia di cittadini e assicurati.

I medici legali specialisti, ma precari, che operano nei Centri provinciali chiedono infatti da anni un’adeguata tutela e il giusto riconoscimento delle loro condizioni di malattia, di invalidità e di disabilita.

Giorgio Lodolini, Tesoriere nazionale e Francesca Tassi, Coordinatore nazionale del Settore Inps – Sumai, delegati dal segretario Generale Antonio Magi alle trattative per la stipula dell’Acn per i medici esterni Inps, hanno già pronta piattaforma, mezzi e strategie che consentono al SUMAI Assoprof di promuovere e indirizzare una nuova stagione di valorizzazione del settore sanitario dell’Inps e degli oltre 1000 colleghi medici a contratto che vi operano.

 “I colleghi – spiegano Lodolini e Tassi – ci hanno rivolto una giusta e non più procrastinabile esigenza di stabilizzazione, al pari di tutti gli altri medici specialisti operanti nell’Inail, nei Ministeri e nelle Asl”.

 “Il Sumai Assoprof ribadisce con chiarezza di condividere tale esigenza forte della sua esperienza e della sua riconosciuta competenza di oltre 50 anni nella Medicina specialistica convenzionata. Il SUMAI Assoprof – concludono – ha sostenuto e continuerà a sostenere nei prossimi mesi e senza riserve i colleghi Inps in questa loro importante battaglia per vedere applicati diritti e tutele in ambito contrattuale”.